Downloads

Materiali
 

Per poter effettuare il download dei seguenti materiali è necessario essersi connessi al sito avendo inserito il proprio username e password nei box soprastanti.

(Per ottenere un proprio username e password è sufficiente iscriversi alla community).

 
    • Alessandrini G., 2014, Ma per i manager c' un super corso, Tuttosport
    •  
    • Minisini S., 2013, Perchè dovrei farlo? Come progettare esperienze OMT® che risultino motivanti e coinvolgenti
    • Abstract del capitolo "Perchè dovrei farlo? Come progettare esperienze OMT® che risultino motivanti e coinvolgenti"
    •  
    • Chiara F., 2013, La grande madre. Il ruolo della natura nell'Outdoor Management Training
    • Abastract del capitolo "La grande madre. Il ruolo della natura nell'Outdoor Management Training" in "Progettare l'outdoor training. Il metodo OMT®" il nuovo libro a cura di Marco Rotondi
    •  
    • Parolini M., 2013, L'organizzazione e la conduzione di attività formative outdoor training: rischi, responsabilità emergenti e cautele a garanzia della sicurezza
    • Abstract del capitolo "L'organizzazione e la conduzione di attività formative outdoor training: rischi, responsabilità emergenti e cautele a garanzia della sicurezza"
    •  
    • Le neuroscienze per l'apprendimento, 9 ottobre 2013 in ISFOL Notizie
    • L'approfondimento dopo il Convegno SIOT 2013
    •  
    • Cosulich S., 2013, L'impatto di un percorso OMT® sulla gestione del ruolo di un HR Director
    • Abstract del capitolo " L'impatto di un percorso OMT® sulla gestione del ruolo di un HR Director"
    •  
    • Movimento e Cervello, 23 settembre 2013 in sito CIOFS/FP Formazione salesiana, formazione per tutti
    •  
    • Rotondi M., 2010, La formazione outdoor, DIPSI-Dimensione Psicologia, Padova
    •  
    • Ponti tibetani, barche e zattere per la formazione d'azienda, 17 gennaio 2011 in La Stampa
    • L'anniversario per i vent'anni dell'outdoor training in Italia
    •  
    • Rotondi M., 2011, Nodi e opportunità per la formazione outdoor in Italia, in Atti del Convegno: Formazione Outdoor in Italia 1991-2011: 20 anni di esperienze a confronto, IEN, Sestri Levante
    • OMT un marchio come garanzia di qualità per l'outdoor training in Italia
    •  
    • Rotondi M., 2011, Linee guida per la realizzazione della formazione outdoor, DIPSI-Dimensione Psicologia, Padova
    •  
    • Ravanelli C., 2007, Formazione fuoriporta in E' Lavoro
    • Le attività formative svolte all'aria aperta sono finalizzate a sviluppare determinati comportamenti dei partecipanti sotto la guida di un trainer. Misurarsi con situazioni estreme come l'arrampicata in corda doppia, la costruzione e l'attraversamento di un ponte tibetano o una regata in barca a vela favorisce lo spirito di squadra e migliora l'efficienza e il clima aziendale.
    •  
    • Casadei C., 2007, La formazione si fa outdoor in Il Sole 24 Ore
    •  
    • Rotondi M., 2007, Professionisti non tour operator in Il Sole 24 Ore
    • E' stato creato un marchio per contrastare i venditori di pacchetti turistici
    •  
    • Pistacchi S., 2006, Top Manager in barca a vela così si impara come nasce un leader in Il Secolo XIX
    •  
    • Rotondi M., 2005, Nuove vie per una formazione più incisiva, in Paneforte S., Il processo di apprendimento individuale e organizzativo, FrancoAngeli, Milano.
    •  
    • Rotondi M., 2005, Limiti della formazione outdoor, in Paneforte S., Il processo di apprendimento individuale e organizzativo, FrancoAngeli, Milano.
    •  
    • C'è chi la fa "strana" ma è sempre formazione, 17 settembre 2004 in Corriere del lavoro
    •  
    • Rotondi M., 2004, Formazione Outdoor: apprendere dall'esperienza, FrancoAngeli, Milano
    •  
    • Bettinelli S., 2003, Le "small techniques", FOR Rivista per la formazione, n 54-55, 2003
    •  
    • Rotondi M., 2003, La formazione outdoor in Italia: limiti, tipologie, oppportunità, in "FOR" n.54-55, Franco Angeli, Milano
    • Sono ormai passati quindici anni da quando le prime sperimentazioni di formazione outdoor sono apparse anche in Italia; può essere utile provare a lanciare un primo bilancio.
    •  
    • Falletti S., 2003, La formazione outdoor è un evento, in Mark Up
    • I meeting devono facilitare il coinvolgimento. Mettendo in moto la voglia di apprendere, di ricordare e di condividere
    •  
    • Falletti S., 2003, Alla Saiwa prende forma l'approccio neurosistemico, GDOWeek
    • Per sviluppare nuove competenze e rafforzare il team
    •  
    • Rotondi M., 2002, Il leader cresce fuori dall'aula, Sanità Management.
    • E' in crisi negli USA il modello dei Master in Business administration. Bisogna passare dal singolo corso a sistemi di formazione permanenti che mirino a creare ambienti formali e informali, facilitino l'apprendimento con il knowledge management.
    •  
    • Rotondi M., 2002, Apprendimento Emotivo, "FOR", n52, Franco Angeli, Milano
    •  
    • Rotondi M., 2001, Lo sviluppo dei team nelle organizzazioni, in Direzione del Personale
    • I team di lavoro promettono di essere uno dei meccanismi più efficaci di conduzione aziendale ma spesso i ritorni effettivi non sono adeguati alle aspettative.
    •  
    • Rotondi M., 2001, Formazione per innovare e innovare la formazione, in "FOR", n.47-48, Franco Angeli, Milano
    • Forse mai come in questo momento c'è bisogno di sostenere le risorse umane riguardo all'innovare...
    •  
    • Rotondi M., 2000, Outdoor Management Training: la formazione fuori dalle mura in a cura di P. L. Amietta, I luoghi dell'apprendimento: metodi, strumenti e casi di eccellenza delle nuove formazioni, Franco Angeli, Milano
    •  
    • Bertolini S., 2000, "Sì, la mia azienda è una barca a vela: vince l'equipaggio" in Lavoro Corriere della Sera
    •  
    • Rotondi M., 2000, Outdoor Training in "Facilitare l'apprendere", FrancoAngeli, Milano
    •  
    • Rotondi M., 2000b, "Outdoor Management Training: la formazione fuori dalle mura" in (a cura di) P.L. Amietta "I luoghi dell'apprendimento: metodi, strumenti e casi di eccellenza delle nuove formazioni" FrancoAngeli, Milano
    •  
    • Bertolini S., 1999, Se metti alla prova l'equipaggio la barca-impresa va in Lavoro Corriere della Sera
    •  
    • Rotondi M., 1999, Formazione outdoor: sviluppare la capacità di apprendere dall'azione, in "FOR", n.38, Franco Angeli, Milano
    • Formazione outdoor: cos'è, origini e teorie di riferimento, obiettivi, metodologia, efficacia.
    •  
    • Rotondi M., 1996, Dal teaching al learning: linee guida per ripensare l'azione formativa, in "FOR", n.29/30
    • Per soddisfare efficacemente le nuove sfide richieste alla formazione occorre sviluppare nuovi sistemi di fare formazione. Questi devono riuscire ad accelerare i tempi normali di apprendimento, creare il piacere di imparare e sviluppare conoscenze latenti che possano essere d'aiuto alle persone di fronte a scenari nuovi. La formazione outdoor rappresenta una soluzione concreta per affrontare queste sfide.
    •  
    • Rotondi M., 1996, La Formazione esce dall'aula, Formazione Domani, n. 25-26, Roma
    •  
    • Rotondi M., 1994, Neurosistemica in azione; fare team building con il B-Group, in Job Traning giugno/luglio
    • Dalla neurosistemica uno strumento innovativo per orientare i comportamenti degli individui verso una loro più efficace leadership e partecipazione a gruppi di lavoro. Un viaggio per mare alla ricerca dei fattori di successo per migliorare l'efficacia del rapporto individuo-gruppo.
    •  
    • Rotondi M., 1993, Integrare metodologie e tecniche per fare qualità nella formazione, Formazione Domani n.13/14, Roma
    • La formazione outdoor, così come le altre tipologie di formazione deve essere di qualità. Ecco un modello di riferimento utile per produrre una formazione di qualità in tutte le sue aree: processo, prodotto e vantaggio.
    •  
    • Rotondi M., 1992, Training for well-being: the B-group, The European Work and Organizatioanl Psychologist, volume 2, issue 3, Ed. LEA-Lawrence Erlbaum Associates Limited, Hove, East Sussex, UK
    •  
    • Intervista a Marco Rotondi - Formazione Outdoor: un'aula a cielo aperto
    • Esiste un'aula, senza pareti e senza soffitti, dove non esistono cattedre o banchi. E' la formazione outdoor, una metodologia ormai diffusa anche in Italia ma che viene spesso confusa con situazioni estreme o con altre forme di animazione o incentivazione svolte all'esterno.
    •